Il mese scorso ero a Roma per un evento Jeunesse. Cosa c'entra  "Summer salmon" con Jeunesse??? C'entra, c'entra, perchè se non fossi andata a Roma per Jeunesse non sarei passata per la stazione dei treni e se non fossi passata per la stazione dei treni, con la pancia che brontolava (la mia pancia brontola sempre), non sarei andata al "Mercato centrale di Roma", un posto pazzesco a mio parere ancora troppo poco conosciuto, nascosto dietro al binario uno. Al "Mercato centrale di Roma" trovi l'eccellenza della cucina italiana, e non solo. C'è il banco del pesce, della carne, il soushi, la pasta col tartufo, il banco dolci, i gelati, le tartare... Puoi comprare e portare via, o puoi sederti e mangiare lì. E' al banco del pesce che ho comprato due piccole tartare (una di salmone e una di tonno) da portar via, per poter cenare non col solito panino, comodamente seduta in treno, mentre me tornavo a Milano. Ho comprato quelle due tartare un pò di corsa (io sono sempre di corsa) e mi erano sembrate due semplici tartare con uno stratp di riso bianco, e invece... E invece quando ho assaggiato il primo boccone ho fatto una piacevole sorpresa: in quelle tartare non c'era solo riso e pesce, ma anche altre due ingredienti che non mi sarei aspettata di trovare lì dentro. Io amo le sorprese!!! Oggi a pranzo ero sola soletta a casa, e ho pensato che fosse l'occasione giusta per riprovare a fare una di quelle due tartare, così se fosse venuta una schifezza, non avrei fatto una figuraccia con nessuno 🙂 Risultato? La tartare è venuta benone, e quindi ora vi racconto come si fa! Iniziamo come sempre dagli INGREDIENTI: SALMONE CRUDO PATATA RISO BIANCO io oggi ho usato l'originario che è quello che uso per fare il sushi, ma secondo me si può fare con qualsiasi riso, basta che "appiccichi" un pò, e che quindi non sia riso da insalata di riso 🙂 ACETO PER SUSHI se usate riso originario MANGO (o MELONE) E un COPPAPASTA (quelle specie di anelli in acciaio che servono per fare le tartare tonde precise precise) Non metto le quantità perchè dipende da quanti siete, quindi affidatevi al vostro "occhio" 🙂 Quando avete tutto gli ingredienti  INIZIAMO: Cuocete il riso (se usate quello da sushi poi metteteci sopra un filo dell'aceto che si usa per il riso da sushi, sennò (forse la miglio scelta) usate riso normale e conditelo con un filo di olio bbbbono. Tagliate a dadini piccoli piccoli la patata (dopo averla bollita), il salmone e il mango (o il melone) Quando avete tutto pronto prendete il COPPAPASTA e mettetelo al centro del piatto. Col cucchiaio iniziate a fare il primo strato con il riso, poi la patata, il mango e per finire il salmone. Se volete nel riso potete aggiungere un pò di prezzemolo tritato (oggi non lo avevo) e a quel punto potete mettere nel coppa pasta prima la patata, poi il mango, poi il salmone e per finire il riso bianco a pois verdi 🙂 Pian pianino sfilate il coppapasta, condite con un pò di olio extra vergine di oliva, e il gioco è fatto. Buona pappa Barbara